La famiglia Melandri sempre in sostegno ad AICO

Si è svolta il 5 settembre scorso ad Oasi Park la seconda festa di compleanno di Marina, David e Danilo Melndri, che come lo scorso anno al posto dei regali hanno chiesto un contributo per il Progetto Miriam Uganda.
Bellissima serata trascorsa tra amici in sostegno di AICO, il favoloso buffet offerto dalla famiglia Melandri era curato dal Ristorante “La locanda dei  girasoli“, importante progetto sociale del nostro quartiere.
Dal 2014, anno in cui Danilo Melandri è venuto con noi in Uganda, la famiglia intera non ha mai fatto mancare il proprio supporto e contributo alla nostra associazione e in seguito al viaggio di Danilo anche David e Ugo (capostipite) hanno partecipato ai noistri viaggi in Africa.
Nel prossimo mese di ottobre partirà la missione 2018 alla quale parteciperanno, oltre ai nostri volontari anche David (per la seconda volta) e Silvia Melandri.
Noi tutti dell’associazione siamo fieri e orgogliosi di avere al nostro fianco una famiglia così bella e unita come i Melandri e li ringraziamo dal profondo del cuore per tutto ciò che fanno per noi ma soprattutto per l’amicizia e la fiducia che ci hanno accordato ormai da anni.


Progetto Miriam – arrivano le pagelle al Wembabazi father

Progetto Miriam – Sostegno al Centro Wembabazi father 

Questa mattina il responsabile del Wembabazi father, Giorgio Scarpioni, ci ha inviato le pagelle delle bambine accolte nel Centro.
Per noi è stata una grande gioia vedere come queste bambine, che come sapete provengono tutte da situazioni di forte disagio, si siano impegnate tanto per imparare.
Questo dimostra che se si offre una possibilità, e lo si fa nel modo giusto, i risultati vengono e sono altamente positivi poiché a nostro parere tutti hanno voglia di migliorarsi al fine di aspirare ad un futuro migliore.
Queste bambine, dopo aver perso ogni possibilità e avendo vissuto momenti davvero difficili, esprimono la loro voglia di rivalsa impegnandosi al massimo.
Ovviamente un plauso va a chi il Centro lo gestisce, seguendo le bambine in modo eccellente.
Un grazie a tutti coloro che ci sostengono permettendoci di poter continuare a finanziare questo importante progetto sociale.


Quasi finita la missione in Uganda degli amici di Salvagente

Progetto Miriam Uganda – Sostegno Wembabazi Father

Domani rientreranno in Italia Mirko, Federica e Paolo dopo una faticosa ma al contempo importante missione in Uganda.
Durante il viaggio, i volontari dell’Associazione Salvagente, come sapete nostri partner nel progetto Miriam, oltre a vedere gli sviluppi del Centro Wembabazi Father hanno avuto modo di andare a trovare Padre Mansueto a Mbarara ed hanno effettuato corsi di primo soccorso e prevenzione agli otre 1000 studenti e al corpo docenti della scuola che lo stesso ha avviato e segue con passione da anni, in seguito hanno fatto visita alle suore di Rushooka, che portano avanti un dispensario, punto di riferimento per tutta la comunità.

Insomma una missione lunga e molto importante per le nuove progettualità che gli amici di Salvagente vogliono avviare in Uganda.
Noi siamo felici di essere stati coloro che hanno aperto le porte dell’Uganda a questi ragazzi e che loro abbiano voluto, oltre che sostenere il progetto Miriam, attivarsi per collaborare con le realtà locali.
Anche questo è sostegno e siamo grati a tutti i volontari di Salvagente per essersi affidati a noi per iniziare l’avventura ugandese.

Un ringraziamento a Marta e Giorgio per l’accoglienza che hanno riservato ai volontari e la diponibilità offerta.
Buon rientro e a presto


Progetto Miriam – sostegno al Centro Wembabazi father

Questa mattina Mirko, Federica e Paolo, accompagnati da Marta e Giorgio, hanno fatto visita al Centro Wembabazi father per vedere i lavori fatti dall’inaugurazione ad oggi. Ad accoglierli, con il canto del benvenuto, le 20 bambine ospiti del Centro, le maestre e l’immancabile direttore David.
I volontari hanno fatto compagnia alla bambine durante una “dura” lezione di matematica.
Mirko per farci partecipare alla giornata ci ha inviato delle immagini.
Forza ragazzi siamo tutti con voi.


Buon viaggio e buona missione agli amici di Salvagente

Auguriamo buon viaggio e buona missione a Mirko, Federica e Paolo, volontari dell’Associazione Salvagente, che oggi partono per l’Uganda.
I tre volontari durante la missione trascorreranno qualche giorno con Giorgio e Marta, con i quali visioneranno l’andamento del progetto Miriam – Sostegno al Centro Wembabazi father di Rwentobo, del quale, anche grazie al sostegno di Salvagente, sosteniamo le spese di gestione per l’assistenza alle bambine ospiti.
Seguiremo il viaggio dei tre volontari e vi terremo informati.
Forza ragazzi siamo con voi …


Donazioni che toccato il cuore

Sabato 16 giugno presso il Parco divertimenti Oasi Park si é svolta la seconda edizione dell’iniziativa “Carabinieri e Bambini“, organizzata dalla Direzione del Parco in collaborazione diretta con il Comando Generale dei Carabinieri.

Anche quest’anno, come lo scorso, per AICO è stato un onore essere associazione di riferimento dell’iniziativa.

Durante la presentazione sul palco del “Progetto Miriam Uganda” fatta da Danilo Melandri, c’erano moltissime persone ad ascoltare. Tra le tante la signora Maria Insogna.

Perchè questa splendida nonna, che si stava godendo la festa con suo nipote ci ha particolarmente commossi?

Ci ha commossi perché dopo aver ascoltato la presentazione del Progetto Miriam Uganda, si è avvicinata a David Melendri (della Dizione di Oasi Park) chiedendogli a chi potesse fare un offerta per il progetto; David l’ha fatta rivolgere direttamente a Danilo. A questo punto è scattato lo stupore e la commozione da parte dei due fratelli Melandri poiché Maria, colpita da ciò che facciamo con il progetto Miriam ha voluto offrire 10€, rammaricandosi per il “poco” offerto. Più di così, vivendo della sua pensione proprio non poteva fare ma voleva fortemente aiutare.

Cara Maria, la tua offerta per noi non è poco, per noi la tua donazione è preziosa perché oltre a sostenere il progetto è stata fatta con il cuore e con sacrificio, perché la tua offerta potevi utilizzarla in altri modi, soprattutto nel parco divertimenti in cui ti trovavi con tuo nipote. Oggi persone come te ne sono rimaste poche e noi siamo felici che tu abbia scelto noi nel mare delle associazioni.

Grazie Maria e speriamo di conoscerti presto, intanto ti mandiamo un caloroso abbraccio.

I volontari AICO

*Maria ci ha autorizzato a pubblicare la foto che la ritrae con suo nipote e Danilo Melandri.


Progetto Miriam Uganda – un anno di passione, gioa, amore

Progetto Miriam Uganda

Oggi il Centro Wembabazi Father festeggia un anno di apertua.
Un anno pieno di passione, emozione, gioa, soddisfazione e tanto tanto amore. I sacrifici fatti sono tanti ma possiamo ritenerci più che soddisfatti dell’ottimo lavoro fatto dalla Missione Francescana di Rushooka e da Giorgio Scarpioni, responsabile del progetto.
Il centro come sapete accoglie 20 bambine, tutte provenienti da situazioni particolarmente disagiate e difficili, alle quali viene data  assistenza totale per 24 ore al giorno.
Quando abbiamo deciso di partecipare a questo progetto non pensavamo di raggiungere risultati così importanti in poco tempo, ma evidentemente quando tutte le forze in campo lavorano per uno stesso obiettivo il risultato è sempre positivo.

Non abbiamo salvato il mondo, ma abbiamo sicuramente fatto la differenza per le bambine accolte nel centro come anche per tutte le famiglie dei dipendenti che lavorano in esso.
Per queste motivazioni vogliamo ringraziare tutti i nostri sostenitori, che con passione e fiducia ci hanno e ci stanno sostenendo in questa impresa.
Un ringraziamento va anche ai nostri partners di progetto a partire dalla Missione Francescana di Rushooka, l’Associazione EWE MAMA di Varese, l’Associazione Salvagente Italia di Monza e al Parco Divertimenti Oasi Park di Roma.

Grazie di cuore


Festa ugandese per ricordare i SS Martiri Ugandesi

Oggi il nostro Presidente Mauro Tripodi, è una piccola delegazione AICO, formata da Tiziana Cipelli, Rosanna Marotta e Fabio Ronci, sono stati ospiti presso la Chiesa SS Martiri d’Uganda di Roma, invitati dal Parroco Don Luigi e da Don Dante, proprio per festeggiare i martiri d’Uganda.

Alla celebrazione oltre alla comunità ugandese era presente l’ambasciatrice d’Uganda in Italia Elizabeth Paula Napeyok, alla quale é stato fatto omaggio il libro “Sguardi d’Africa – Uganda”.

La delegazione AICO ha avuto modo di parlare con l’ambasciatrice dei progetti che nel corso di dieci anni sono stati fatti in Uganda, ricevendo dalla stessa molti complimenti ed un invito ad andarla a trovare in ambasciata.

Una bella festa con tanta Uganda, integrazione, inclusione e felicità.

Un grazie di cuore a Don Luigi e Don Dante per l’invito a l’accoglienza.


Suor Rosemary ci aggiorna sul progetto Help Children Prison Uganda

Oggi abbiamo ricevuto la gradita mail di Suor Rosemary Ndyomugyenyi, responsabile locale del progetto Help Children Prison Uganda.
Con la mail ci informa che attualmente i bambini che vivono con le mamme all’interno della prigione Ndorowa di Kabale sono 10.
Suor Rosemary ci dice anche che per salvaguardare la salute del vitello, nato ad inizio anno dalla mucca che avevamo donato loro, bene molto importante per la loro Missione, stanno dividendo il latte portandone 3 litri al giorno ai bambini, una parte la danno al vitello per la sua crescita e una parte viene venduta per avere i fondi per pagare l’operaio che si occupa della gestione delle bestie.
Un bell’esempio di gestione organizzata finalizzata al mantenimento del progetto.
Nel prossimo mese di ottobre, durante la missione 2018 di AICO, alla quale stiamo lavorando in questi giorni, andremo a trovare Suor Rosemary e la sua Missione per parlare di come poterle aiutare al meglio sia per il progetto Help Children Prison sia per i progetto che loro portano avanti con le bambine della loro scuola.

Vi terremo aggiornati.
Grazie


Progetto Miriam – altre quattro bambine accolte nel Centro Father Wembabazi

Progetto Miriam Uganda

La settimana scorsa nel Centro Father Wembabazi sono state accolte altre quattro bambine che si aggiungono alle altre sedici in assistenza totale e alle tre in assistenza scolastica e diurna.
Anche per queste bambine inizia una nuova vita fatta d’amore, studio, cura e passione, ci auguriamo di riuscire a far dimenticare loro il triste passato che hanno dovuto già vivevere nonostante la tenera età.

Il Presidente Mauro Tripodi ricevuta la notizia degli ultimi ingressi dichiarava:” a circa 19 mesi dalla posa della prima pietra e a neanche un anno dall’inaugurazione del centro non potevamo e non speravamo di raggiungere risultati così importanti. Non è andato sempre tutto liscio ma pian piano siamo riusciti a sistemare le cose e l’obiettivo raggiunto ci colma di felicità, per questo non posso che ringraziare tutti i nostri amici e sostenitori per la possibilità che ci offrono nel perseguire i nostri sogni“.

Un plauso ai nostri amici e partner di progetto dell’Associazione Salvagente di Monza con i quali vogliamo condividere questo momento di gioia.