Marco ed Emanuela visitano i progetti a Kabale – emozione pura

Oggi pubblichiamo la seconda parte del pensiero di viaggio di Marco ed Emanuela, questa volta in visita ai nostri progetti Help Kabale School e Help Children Prisona a Kabale.
Nelle belle parole espresse verso il nostro operato, che ci riempiono di gioa ed orgoglio, traspare un evidente emozione per l’esperienza vissuta.
Siamo certi che quanto visto e provato, dai questi due ragazzi bolognesi, rimarrà scolpito nel loro cuore.
Grazie

Il lungo viaggio da Entebbe a Kabale attraversa una natura ricca di laghi, fiumi foreste, savane e montagne  di un colore predominante, il verde dalle mille tonalità che si mescola con la terra a volte rossa come il fuoco.
In questo paesaggio si incontrano persone, tante persone che girano lavorano ti osservano  e sono ovunque, anche nei luoghi più isolati, camminando per chissà quale meta.
Non vanno certo dimenticati i gorilla di montagna, motivo principale per cui i turisti si recano qui, oltre naturalmente ai leoni ai leopardi, alle giraffe ai bufali ecc.
Direi che il quadro è perfetto per un’esperienza unica di vacanza Africana.
Questo è quello che normalmente un turista riesce a visitare in Uganda, ma noi grazie a Mauro, che già ci aveva ospitato nella sua missione sulle montagne di Kitabu, siamo finiti in carcere!
Al nostro arrivo a Kabale ci siamo diretti verso la missione delle Suore dell’ordine di Maria Madre della Chiesa, dove siamo stati accolti da Suor Rosemary e da altre sorelle.
Dopo averci offerto la colazione siamo andati a visitare la scuola, che nel periodo scolastico ospita quasi 1000 bambini, purtroppo però vuota alla nostra visita che ha coinciso con le feste natalizie.
La povertà delle persone del luogo fa si che molte famiglie rinuncino a mandare i figli a scuola sia per i costi sia per l’aiuto che questi possono dare in casa.
Grazie a questa missione e al supporto di AICO che ha contribuito a sistemare gli impianti elettrici a ritinteggiare e a sistemare le coperture degli edifici, le suore sono riuscite a facilitare le famiglie e a coinvolgere più bambini, offrendo oltre allo studio, vitto e alloggio.
Finita la visita e dopo esserci recati ad acquistare alcune cose utili per le donne che vivono in carcere con i loro bambini ci siamo diretti verso la prigione di Kabale insieme a Suor Rosmary.
Arrivati all’ingresso del carcere, lasciamo qualunque oggetto di potenziale pericolo compreso il cellulare.
Non esiste nel carcere un ingresso riservato alla parte femminile, ci dicono che fa parte di un progetto futuro,  questo implica attraversare il cortile dove circa 500 uomini vestiti di un giallo fosforescente girano liberamente.
Il giallo della divisa è l’unica cosa distinguibile in quanto la pigmentazione della pelle è talmente scura da confondersi con il colore della terra, rendendo invisibili i volti.
L’impressione è quella di essere circondati da divise vuote che girano e ci circondano.
Ma gli occhi bianchi come il latte si distinguono perfettamente e ad un tratto ci troviamo con tutti questi occhi puntati verso di noi un pò incuriositi un pò sorpresi.
C’è anche un’altra  luce che ci rassicura al passaggio, sono i sorrisi che alcuni ci rivolgono.
Arrivati nella parte femminile ci sentiamo quasi rassicurati, incuranti del fatto che prima o poi saremmo dovuti tornare da dove eravamo arrivati.
Le donne che indossano la stessa uniforme al nostro arrivo si  distraggono alla presenza di due bianchi, che invece di continuare a visitare le bellezze del loro paese sono li in carcere con loro.
Non abbiamo idea in quali reati sono coinvolti gli ospiti del carcere, ma questo nemmeno ci interessa.
L’interesse è tutto rivolto a queste madri, attente ad accudire i loro figli, nati e cresciuti all’interno di un carcere, con un alimentazione e un ambiente  non idonei a un bambino di quell’età.
Ci meravigliamo nell’osservare quanto queste donne sono complici nell’allattare giocare ed accudire questi bambini senza preoccuparsi di chi sia la madre di chi.
Inoltre grazie a Mauro e al progetto di AICO questi bambini sono ben nutriti e igienicamente curati, sicuramente meglio di quelli incontrati lungo la strada.
Dopo una nostra breve presentazione, le donne ci hanno dedicato un canto di benvenuto, lasciandoci letteralmente senza parole immersi nella gioia di tale accoglienza.
Ritornare all’esterno passando per il cortile maschile dopo tante emozioni è una passeggiata, tanti i sorrisi e i saluti che ci hanno accompagnato all’uscita.
Una goccia nel mare, un lavaggio di coscienza, così tanti potrebbero pensare superficialmente, ma in realtà qualcosa di concreto e costante arriva a facilitare la vita di bambini innocenti costretti a vivere una condizione da carcerati ancor prima di poter parlare e di aver commesso alcun reato se non quello di essere nati nel posto sbagliato e nel momento sbagliato, senza nessuna colpa di questo e senza la sentenza di nessun giudice che li costringa a questa punizione.
Un grazie speciale a Mauro sia per il suo operato sia per averci dato la possibilità in totale autonomia di poter vedere direttamente come i suoi sforzi e gli sforzi di AICO stiano avendo ottimi risultati.”
Marco & Manu


Pensiero di viaggio di Marco e Manu a Kitabu

Per noi è sempre un grande piacere aprire le porte dei nostri progetti a chiunque voglia toccare con mano ciò che facciamo.
Oggi pubblichiamo le foto e il pensiero di viaggio di Marco ed Emanuela in seguito alla loro visita al progetto Help Kitabu Maternity
Grazie di cuore ragazzi, sia per le meravigliose fotografie sia per le bellissime parole.

La rete stradale in Uganda, nonostante ci sia un intenso lavoro di costruzione, non possono considerarsi agevoli, spesso sono semplici sterrati di terra dura piena di buche e sicuramente impraticabili durante la stagione delle piogge.
La strada per arrivare alla missione di AICO è veramente impervia, difficile da percorrere in condizioni di tempo buono, certamente quasi impraticabile durante le piogge.
Un’ora di arrampicata in salita fra le montagne con una buona jeep, un vero e proprio “African Massage” come lo definiscono i locali, con bellissimi scorci di panorama sul lago George, ma altrettanti strapiombi ovviamente senza protezioni.
Tutto questo per sottolineare come il tempo e il tragitto da noi percorso è il medesimo che una donna in stato interessante o in procinto di partorire deve percorrere per arrivare al primo presidio ospedaliero in grado di prestare le cure necessarie.
Ciò premesso diventa evidente come il progetto di AICO sia una vera manna dal cielo per queste donne che vivono così lontano da qualsiasi servizio sanitario e si troverebbero a dover affrontare a piedi o in moto un tragitto infernale  a prescindere, ma soprattutto per la loro condizione.
Sottolineo in moto o a piedi in quanto gli abitanti dei villaggi di montagna non possono certo permettersi di avere una jeep o un mezzo per potersi recare alla struttura ospedaliera più vicina.
Grazie all’intervento di Mauro invece, arrivati finalmente al villaggio, dopo essere stati accolti da Padre Pascal, Padre David e altri componenti della diocesi, che si sono preoccupati di offrirci un ottimo pranzo, visto il nostro viaggio iniziato alla mattina presto e giunto alla missione alle tre passate, abbiamo potuto visitare una nuova struttura dotata di un Dottore di infermiere e un’assistenza sanitaria.
Oltre a una zona dove le gestanti vengono ricevute all’interno della struttura sono presenti un ambulatorio e le stanze di degenza.
Sono in fase di realizzazione inoltre altri ambulatori per assistenza più specifica.
Il tutto è caratterizzato da un eccellente pulizia, non scontata viste le condizioni in cui gli abitanti del villaggio vivono, ma sicuramente necessaria data la tipologia della struttura.
All’interno della maternità inoltre abbiamo potuto far visita sia a una donna prossima al parto sia a una ragazza divenuta madre da poco, ancora assistita ,grazie alla struttura, nei giorni seguenti al parto.
L’accoglienza sia all’esterno dagli abitanti del villaggio, sia all’interno della maternità è stata a dir poco calorosa.
I bambini del villaggio hanno contribuito a rendere questa esperienza molto emozionante, accompagnandoci insieme a Padre David e Padre Pascal a visitare il resto del villaggio e rendendo questa giornata ricca di sorrisi colori e immagini che resteranno per sempre nei nostri cuori.
Un grazie speciale a Mauro che con AICO ha realizzato questo importantissimo progetto e  grazie di averci permesso d’entrare in contatto con persone e situazioni capaci di ricordare come in alcune parti del mondo possa diventare difficile e soprattutto molto pericoloso, senza le cure necessarie, dare alla luce un bambino.”
Marco & Manu


Un altro anno insieme

Un altro anno è passato e voi siete stati sempre al nostro fianco.
Insieme abbiamo raggiunto obiettivi importanti e siamo riusciti a sostenere tutte le progettualità che, ormai da anni, stiamo seguendo in Uganda e in Italia.
Per questo vogliamo ringraziarvi tutti con questo breve video sulle attività svolte nel 2019.
Per in 2020 abbiamo altre sfide da affrontare ma insieme le affronteremo e insieme raggiungeremo nuovo obiettivi e soddisfazioni.